admin Posted on 13:20

Trump o Biden? Max Keizer spiega perché Bitcoin sarà il vincitore finale dopo le elezioni statunitensi

Il famoso conduttore televisivo Max Keizer spiega come Bitcoin emergerà come il vincitore finale, nonostante chi vinca le elezioni presidenziali statunitensi del 2020.

Le elezioni presidenziali statunitensi, che si verificano ogni quattro anni, attirano l’attenzione non solo dei cittadini statunitensi, ma di tutto il mondo. Essendo il paese più grande per PIL nominale e dollaro USA che funge da valuta di riserva globale, le conseguenze dei risultati delle elezioni si faranno sentire ovunque nei prossimi (almeno) quattro anni.

Quella parte „ovunque“ include sicuramente i mercati finanziari tradizionali e, più specificamente, i mercati azionari statunitensi. In effetti, la loro performance potrebbe anche suggerire chi potrebbe finire come il 46 ° presidente degli Stati Uniti.

Durante la sua esistenza relativamente breve, Bitcoin Trader ha superato due elezioni negli Stati Uniti, nel 2012 e nel 2016. Sebbene non lo fossero molto tempo fa, la maggior parte dei membri della comunità concorda sul fatto che la risorsa era troppo piccola per sentirne le conseguenze. Tuttavia, non è così nel 2020.

Secondo Dan Clifton di Strategas Research Partners, ogni presidente che aveva scongiurato una recessione durante i due anni precedenti le elezioni è rimasto in carica. Solo Calvin Coolidge è riuscito a vincere la rielezione nonostante gli ostacoli economici degli anni ’20.

Il New York Times ha affermato che l’economia statunitense è entrata ufficialmente in uno stato di recessione nel febbraio 2020. Con ciò, resta la domanda se il presidente Trump si unirà al presidente Coolidge come eccezione alla regola o se la storia si ripeterà e Joe Biden salirà al potere. .
Ancora un po ‚di storia

Parlando di storia, Forbes ha recentemente osservato che i mercati azionari hanno „ottenuto risultati migliori durante un anno in cui viene eletto un presidente in carica rispetto a una nuova amministrazione“. I dati sono conclusivi: le elezioni hanno un impatto diretto sui mercati azionari.

Con questo in mente, la comunità delle criptovalute ha sollevato la questione se o come le elezioni avranno un impatto su una valuta che opera al di fuori dell’infrastruttura finanziaria tradizionale, una valuta esistente nel mondo digitale chiamata Bitcoin.

Quindi, cosa potrebbe accadere se il presidente Trump, che ha apertamente criticato l’intera industria delle criptovalute, rimanesse in carica? Oppure, cosa potrebbe accadere se l’ex vicepresidente Joe Biden si facesse carico?

Le opinioni della comunità scivolano in entrambe le direzioni, ma non Max Keizer. Il popolare conduttore televisivo ritiene che Bitcoin non sia correlato a nessun partito o risultato politico perché è sostenuto da „una fame insaziabile“. Come tale, ha recentemente detto a CryptoPotato che Bitcoin vince in entrambi i modi, ma con stili diversi.

Trump vince: come potrebbe essere utile per BTC?

La presidenza di Trump è stata piena di azioni e dichiarazioni alquanto controverse, per non dire altro. Questi vanno dalla pianificazione della costruzione di un muro fisico con il Messico per tenere lontani i migranti alla minaccia del suo avversario del 2020 Joe Biden con un’aggressione fisica.

Tuttavia, le sue opinioni su Bitcoin sono state coerenti e sfavorevoli. Nel luglio 2019, ha affermato di non essere „un fan di Bitcoin e di altre criptovalute, che non sono denaro e il cui valore è altamente volatile e basato sul nulla“.

Un libro inedito scritto dall’ex consigliere per la sicurezza nazionale di Trump John Bolton ha affermato che il presidente ha esortato il segretario al Tesoro Steve Mnuchin a „cercare Bitcoin“ un anno prima delle sue affermazioni sopra menzionate.

Detto questo, è difficile immaginare che il presidente Trump cambierà improvvisamente idea e inizierà a supportare la prima criptovaluta in assoluto (o qualsiasi altra). Quindi, se vincesse le elezioni, gli effetti su Bitcoin potrebbero essere piuttosto negativi, giusto?

Beh, non è quello che crede Max Keizer. Ci ha detto che „con Trump, che almeno capisce qualcosa sul capitalismo, l’ascesa di Bitcoin sarebbe più lenta poiché credo che calmerebbe i mercati facendo entrare gli Stati Uniti nella guerra globale dell’hashish a cui l’Iran ora conduce in una chiamata simile allo Sputnik. entra nel momento Hash Race. “

Keizer ha aggiunto che gli Stati Uniti devono lottare per una „grande fetta del tasso di hash globale di Bitcoin prima che lo facciano i nostri concorrenti. Conosco diversi paesi che presto annunceranno importanti sottoscrizioni sovrane del tasso di hash BTC per cercare di estromettere la posizione dell’Iran „.

Cosa succederà a Bitcoin se Biden vincesse?

Il candidato alla presidenza del partito democratico è stato coinvolto nel famigerato hack di Twitter all’inizio di quest’anno. Poco dopo, ha detto di non possedere alcun bitcoin ma di non aver fatto commenti decisivi sulla criptovaluta. In quanto tale, sarebbe più difficile discutere se la sua presidenza sarebbe stata in definitiva un bene per Bitcoin.

Le opinioni di Keiser vedono BTC esplodere rapidamente di valore nel caso in cui Biden emerga il vincitore domenica.

„Come ho detto, una vittoria di Biden accelererebbe l’avanzata di Bitcoin poiché gli acquisti di panico da parte di coloro che cercano di sfuggire ai socialisti, agli stampatori di denaro e agli appassionati di MMT entrano in hyperdrive.“